Cainos

Cainos
Payback is a Bitch Mother Fucker

giovedì 15 marzo 2007

Episodio 2 Sniappaus

Siedo dietro la scrivania nel mio ufficio, sulla mia comodissima poltrona di pelle bordeaux., stancamente mi appoggio con il gomito mentre con l’ altra mano mi solletico la barba che da troppi giorni non mi taglio…. Radermi è una cosa che odio, dovermi imbrattare con quelle schiume schifose e dopobarba orrendi…. Per poi essere liscio e profumato come una Lucciola..A Proposito di Lucciola, guardala accanto a me, la mia attuale compagna, queste troiette pensano di avere qualche importanza solo per essere cadute nelle mie grazie…….Povere stupide, …. Lascio stare la mia barba per passare alle sue gambe, sotto la gonna.
Bussano, e so già chi è:
<<>>>
La porta si apre, entra Jimmy Six , un bravo ragazzo che ha capito che per avere successo nella vita bisogna sapere qual’è il proprio posto….. lo chiamano così perché usa un revolver 6 colpi. Farà strada..Dietro di lui tremolante come un gattino impaurito appare Tommy Fortunato. Fortunato? Quel suo cognome italiano suona stramaledettamente ironico oggi.

Con aria amichevole gli dico: Allora Tommy… come va? intanto prendo un sigaro e ne taglio la cima.
B-B,-Bene, Don Tarantola, Bene, Grazie
Prima di aggiungere qualcosa, lascio che Kandida, così si chiama la femmina, me lo accenda. È una delle sue poche mansioni.
Mi fa piacere Tommy, gradisci qualcosa da bere? amo sempre offrire un ultimo regalo alle mie vittime.
Grazie D, Don Tarantola, ma no. il verme non si è ancora calmato.
Bene, passiamo subito agli affari, Mi hanno detto di aver visto ieri al club The Snatch Wilson Fisk. Bizzarro non trovi? Nel dirlo gli soffio il fumo del sigaro in faccia
M-Mi spiace Don, io..io ho fatto il lavoro come mi avete detto…. Ma quei bastardi dei medici ormai riescono a riportare in vita a-anche un morto.
Dopo avergli sparato, l’ho visto cadere e affondare nel suo stesso sangue con i miei occhi L’ambulanza lo ha portato via ed ero certo che fosse morto.
E non sei andato ad informarti dell’avvenuto decesso. Vero?
N-No Don Trantula, C-Co-Come vi ho detto ero sicuro di aver fatto centro,Mi spiace tantissimo, davvero, Nel dirlo si guarda attorno, l’escremento ha paura che da un angolo del mio oscuro ufficio salti fuori uno dei miei ragazzi.Su su, non ti agitare, capita a tutti di sbagliare, no?
Per questa volta lascio correre ma è meglio se per un po’ fai sparire la tua faccia, siamo intesi?Certo Don non mi vedrete più, sono stato uno scemo lo so Vi ringrazio.
Per la prima volta abbassa lo sguardo a terra, distraendosi… è quello che voglio…

Con un rapido sorriso e una particolare torsione del polso, faccio innescare il meccanismo della mia pistola a scatto da polso, Tommy sente solo il rumore e una volta inquadrata l’ arma puo’ solo emettere una smorfia Buffa, esplode il colpo, e’ simile a una rosa di pallini di un fucile a pompa ma si tratta invece di sottilissimi uncini in acciaio, uniti a filamenti in kevlar finissimi, trasparenti, quasi invisibili.


A una distanza di 2 metri la rosa si apre completamente come un bravo pescatore che lancia una rete, investe senza problemi meta’ corpo di un uomo anche di grandi dimensioni, la scena e’ sempre un piacere da vedere, la vittima viene ampiamente superata dai piccoli uncini, il suo corpo a contatto con i fili di kevlar lanciati dalla potente detonazione, solcano fortemente la pelle della vittima e arrestano in maniera repentina l’ avanzamento degli uncini he a quel punto seguono la fisica si avvolgono intorno al corpo della vittima, una teoria simile a quella delle Bolas, ma piu’ divertente e tecnologica.


Tommy fortunato si ritrova legato proprio come un Insaccato Italiano, e piu’ si muove e piu’ si provoca tagli con i filamenti di Kevlar che sono leggermente seghettati.


Quando penso che la tortura sia durata abbastanza, con il verme che si dimena mugugnando e soffrendo e prova a chiedere pieta’, ottenendo solo 2 risultati, farmi divertire e tagliarsi sempre di piu’, do il via alla seconda fase, con un cenno faccio uscire dalle ombre del mio ufficio, lo scagnozzo che tommy tanto temeva, non ho da spiegargli nulla, tira fuori una sacchetto di plastica e glielo infila sulla testa pochi Rantoli ancora e morira’ soffocato, un cappio intorno ai piedi ed e' pronto ad essere trascinato via.


Verra’ appeso in bella mostra a testa in guiu’ nella famosa tela di Don Tarantula.


storia scritta da Sniappaus





4 commenti:

DM anonimo ha detto...

Azz...posto qua anche se il commento era per quella platoria di ricordi in immagini e testo.....dal tuo blog sono arrivato a vedere poi tutta quella miriade di foto del willo, tra le quali ho visto volti molto familiari (altri no, ovvio tutti non li ho mai conosciuti) e ho visto che, oltre qualcuno che oramai rimane immutabile (tommy è identico a 15 anni fa....non credi??) ho visto vite portate veramente avanti, tanto avanti da non sembrare neanche più le stesse...il dona sposato e con un figlio??? Sembra quasi una barzelletta....(senza offendere nessuno ovvismente!!)

Chi sono io?? Sono quello da cui tutto ha avuto inizio.....l'input iniziale l'ho dato io..
(prima o poi organizzeremo qualcosa stile "vecchi tempi" pure noi tutti assieme, ce lo meritiamo no??)

Un saluto in più a tommy che non sento ne vedo da ANNI....(e che non ha mail di riferimento a quanto ho visto....)

Cainos ha detto...

DM Anonimo contento della tua visita e i tuoi pensieri, ma non riesco a capire da vero chi sei °_o

Willo ha detto...

DM anonimo, chi diavolo sei??
Vienici a trovare in www.willoworld.net. Rivelati!! Mandriano che non sei altro!

Willo ha detto...

DM anonimo, chi diavolo sei??
Vienici a trovare in www.willoworld.net. Rivelati!! Mandriano che non sei altro!